La mia pagina Jimdo

Cinzia, foto cover del suo libro
Cinzia, foto cover del suo libro

Ti racconto qualcosa di me

 

 

Cinzia Demi è nata a Piombino, in provincia di Livorno, il 29 marzo 1960. Dal 1991 lavora e vive con la sua famiglia, il compagno Maurizio Caruso e i figli Alessandra ed Enrico, a Bologna. Nel 1998 entra a far parte di un gruppo poetico “Il Laboratorio di Parole” che si riunisce presso i locali del Circolo La Fattoria. Da alcuni anni, per il gruppo, ha assunto la carica di  curatrice delle relazioni esterne e  redattrice della  rivista bimestrale dal titolo “Parole” che vanta un centinaio di abbonati. Il gruppo opera sul territorio bolognese per la diffusione della poesia e collabora con centri e istituzioni pubbliche quali Il Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna, e vari comuni limitrofi. E, sempre per il gruppo organizza scambi culturali e gemellaggi in varie località d’Italia, serate di lettura di poesia abbinate ad altri momenti artistici quali musica, grafica, balli, curandone la regia. Ha partecipato ad alcuni corsi e laboratori di teatro in Bologna e provincia. Partecipa volentieri a concorsi e premi letterari e poetici, riportando discreti successi. Le sue opere sono presenti in varie antologie e riviste di poesia nazionali. La cosa che ama dire di se stessa è che la poesia fa parte della sua vita, in forma di lettura e di ascolto e che tutto può diventare poesia in qualunque momento della vita quotidiana.

Nel 2005 ha elaborato e curato graficamente la preparazione del catalogo per la mostra personale di pittura e grafica, “I colori del Silenzio”  del compagno Maurizio Caruso.

Nel mese di febbraio 2007 ha curato la regia della manifestazione, patrocinata dal comune di Bologna e dai quartieri S. Stefano e S. Donato,  in costume medioevale, “Con gli occhi di Dante, portici e poesia” che si è svolta per le principali vie e piazze di Bologna, con conclusione in Cappella Farnese, Palazzo d’Accursio per la declamazione delle poesie, e che ha visto la partecipazione di oltre un centinaio tra poeti, musicisti, ballerini di balli medievali, spadaccini, cavalieri e figuranti.

Spettacolo riproposto questa estate in diversi comuni della Sicilia, nelle province di Trapani e Palermo, col titolo “Amori proibiti e Castelli incantati” che ha visto tra l’altro la partecipazione del gruppo al Festival Tra Medioevo e Rinascenza organizzato nel comuni di Carini.

La cosa che più ritiene importante per la sua vita è quella di aver iniziato una collaborazione con le scuole medie, della provincia di Bologna, attraverso un progetto di diffusione della Divina Commedia, con un avvicinamento ai ragazzi in chiave ironica, in cui i testi  analizzati e proposti nel percorso, che si conclude con una teatralizzazione dei lavori elaborati dai ragazzi stessi, sono presenti nel libro “Incontriamoci all’Inferno” – Parodia di fatti e personaggi della Divina Commedia di Dante Alighieri, edito dalla Pendragon di Bologna. Il progetto è già stato realizzato in diverse situazioni istituzionali e largamente diffuso nell’anno scolastico in corso. E’ stato inserito anche nel Piano di offerta formativa dell’Ufficio Provinciale Scolastico di Bologna. Il lavoro è stato realizzato (e lo sarà ancora)  sia come sviluppo del progetto stesso, sia come evento-spettacolo in diverse scuole medie inferiori e superiori del territorio nazionale.

La promozione del libro “Incontriamoci all’Inferno” viene effettuata, anche, con uno spettacolo che prende lo stesso titolo, in compagnia di maestri musicisti, dove alla lettura di brani della Commedia abbina le parodie dei personaggi con i brani tratti dal libro stesso, e la musica, e che sta realizzando in diverse realtà istituzionali. Alcune compagnie teatrali si stano occupando di realizzare un vera e propria opera teatrale del testo.

Il libro è stato presentato ufficialmente con il patrocinio della Provincia di Bologna il 25 ottobre 2007, nella sala Bossi del Conservatorio “G.B.Martini” di Bologna, alla presenza dell’assessore all’Istruzione P. Rebaudengo e di diversi relatori. Questi ultimi due eventi sono stati inseriti nell’ambito del Programma della Festa della Storia, organizzato dal Dipartimento delle discipline storiche dell’Università di Bologna.

Attualmente sta svolgendo attività di docenza, relativamente al progetto, per la Scuola Media “S. D’Acquisto” del comune di Gaggio Montano (Bo) e per la Scuola Media  “G. B. Gandino” di Bologna e attività di formazione per l’Istituto D’Istruzione Superiore V. Capirola di Leno (Brescia). Nel frattempo ha intrapreso una collaborazione con l’Associazione Italia Medievale con la quale, tra l’altro, ha già presentato il libro “Incontriamoci all’Inferno” a Milano e a San Lazzaro di Savena (Bo). Il libro è stato già presentato in 8 comuni della regione Sicilia, tra le province di Trapani, Palermo e Catania, presso il comune di Modena e Firenze. Molte altre presentazioni sono in corso di preparazione, tra le quali  presso la Dante Alighieri di Padova, c/o i comuni di Ravenna, Cervia, Arezzo, Vignola (Mo), Lastra a Signa (Fi), Abano,  (solo per citarne alcune).

Partecipa ad eventi e rievocazioni storiche con lo spettacolo “Incontriamoci all’Inferno” in collaborazione con il maestro Riccardo Farolfi (liuto e chitarra rinascimentale) in costume medievale.